FUSILLI

Non molti sanno che i fusilli sono un formato di pasta di origine molisana. Sono stati creati in Molise e si sono diffusi prima nel sud Italia, poi nel resto del paese. Fatti con farina di grano duro, acqua e un pizzico di sale, vengono poi arrotolati su un filo di ferro e messi ad essiccare. In alcuni casi la pasta viene fatta anche con le uova. Esistono molte varianti dei fusilli: quelli avellinesi, ad esempio, sono più allungati e stretti. In altre zone si aggiungono spinaci, barbabietole o nero di seppia per colorarli. Una tipica ricetta regionale sono i fusilli alla molisana, conditi con un sugo di carne d’agnello o con un sugo di carni miste (agnello, vitello e salsiccia di maiale).

Area di produzione
Intero territorio regionale.

Caratteristiche del prodotto
Pasta a forma di elica

Metodiche di lavorazione
Le materie prime sono: farina di grano
duro, acqua, e sale. Mettere sul tavoliere la
farina a fontana, aggiungere acqua e sale,
mescolare il tutto fino ad ottenere una
pasta omogenea. Stendere la pasta con il
mattarello dandogli uno spessore di 1/2
cm, tagliare la pasta a strisce di 2 cm di
larghezza, che va arrotondata con le mani
sul tavoliere, queste strisce vanno tagliate
ulteriormente ad una lunghezza di circa 4
cm; con il fuso si preme su ogni singola
striscia di pasta ottenendo il fusillo.
Materiali e attrezzature per la prepa-
razione
Mattarello, tavoliere, fuso (ferro tipico)