La ciabatta-leggera, croccante all’esterno e porosa all’interno, la ciabatta è un pane italiano onnipresente la cui forma ovale e leggermente allungata ricorda una pantofola. La sua preparazione richiede molto tempo e abilità, ma il risultato vale lo sforzo. Il primo passo è preparare la biga o poolish, un impasto iniziale a base di lievito di birra, un po ‘di acqua tiepida e farina di grano bianco.🇮🇹

Leggera, croccante all’esterno e porosa all’interno, la ciabatta è un pane italiano onnipresente la cui forma ovale e leggermente allungata ricorda una pantofola. La sua preparazione richiede molto tempo e abilità, ma il risultato vale lo sforzo. Il primo passo è preparare la biga o poolish, un impasto iniziale a base di lievito di birra, un po ‘di acqua tiepida e farina di grano bianco. La ricetta originale richiede una farina speciale Uno Natura, ma le ricette per la ciabatta fatta in casa suggeriscono di utilizzare la miscela di farina Manitoba e farina italiana tipo 00, che sono responsabili di un impasto con extra elasticità. L’impasto iniziale ha bisogno di fermentare dalle 12 alle 24 ore a temperatura controllata, dopodiché si aggiungono la farina rimanente, lo zucchero, il sale e l’acqua. L’impasto viene piegato delicatamente e lasciato lievitare ripetutamente durante la lavorazione, in questo modo si riempie di bollicine che sono la caratteristica principale della ciabatta. La ciabatta non richiede grasso o uova aggiuntive, ma l’acqua può essere parzialmente sostituita con il latte, il che porta a una variante chiamata ciabatta al latte. Facoltativamente, è possibile aggiungere altre spezie e ripieni, come olive, noci, capperi, erbe e pancetta. A causa dell’elevata percentuale di acqua, intorno al 70%, l’impasto per una ciabatta è più appiccicoso e umido di altri impasti di pane, motivo per cui l’errore più comune è l’aggiunta di farina extra. Dopo che l’impasto è finito, viene diviso in ciabatte separate e lasciato lievitare un’ultima volta, quindi cotto in un forno molto caldo e al vapore. Il vapore viene rilasciato a metà cottura, che aiuta a formare una crosta croccante. Una ciabatta finita può avere un peso compreso tra 120 e 300 grammi, è perfetta per i panini e può essere servita con formaggi italiani, olive e prodotti a base di carne.

STORIA
Anche se sembra abbastanza rustico e radicato nel cuore stesso della cucina italiana, la verità è che la ciabatta è un’invenzione relativamente moderna. È stato sviluppato nel 1982 in Veneto da Arnaldo Cavallari; un ex pilota di rally diventato fornaio, il cui obiettivo era ricordare ai suoi connazionali che i francesi non erano l’unica nazione che sapeva fare il pane di buona qualità. Il nome ciabatta si traduce come pantofola, alla cui forma ricorda. Cavallari ha protetto i nomi di ciabatta natura, ciabatta italiana e ciabatta polesana, ma ha condiviso volentieri la sua esperienza con i fornai di tutto il mondo attraverso la sua Accademia del Pane. Di conseguenza, la ciabatta originale è disponibile in Africa, Nord e Sud America, Australia e Asia.

la sua ricetta è stata adattata dal blog di viaggio TripLuca.com e fornisce il metodo autentico esposto in un panificio di proprietà di Arnaldo Cavallari, l’inventore della ciabatta. Le quantità sono elevate poiché sono destinate alla produzione di prodotti da forno, ma possono essere facilmente ridotte per una preparazione casalinga.

INGREDIENTI 35 min
PER LA PASTA DI PRIMA
10 kg di farina Uno Natura
5 l di acqua
25 g di lievito di birra
PER LA PASTA
100 g di zucchero
2 l d’acqua
250 g di sale
1 Inizia preparando l’impasto iniziale mescolando farina, acqua e lievito con uno sbattitore elettrico regolato alla velocità minima per 5 minuti.
2 Coprire con un foglio di plastica e lasciare lievitare a temperatura ambiente (23-25 ​​° C) per 16-22 ore.
3 Aggiungere lo zucchero e il sale e versare gradualmente l’acqua nell’impasto iniziale. Mescolare con un accessorio per impastare per 5 minuti alla velocità minima. Quindi, mescolare per altri 8-10 minuti a velocità media. La temperatura dell’impasto finale dovrebbe essere compresa tra 25 e 27 ° C, che può essere raggiunta regolando la temperatura dell’acqua.
4 Mettere l’impasto in una ciotola ben oliata e lasciar riposare per 30-40 minuti.
5 Trasferire l’impasto su un piano di lavoro ben infarinato e tagliarlo a pezzi da 300 grammi. Lasciar lievitare per 1 ora senza coprire.
6 Posizionare le ciabatte sulle teglie. Cuocere ad alta temperatura per 30-35 minuti. Inumidisci il forno con un po ‘d’acqua. A metà cottura aprire le valvole che rilasciano vapore dal forno, oppure lasciare leggermente socchiusa la porta del forno.
7 Se usate un forno elettrico, durante la prima metà della cottura la temperatura dovrebbe essere più alta nella parte inferiore. Quindi, quando rilasci il vapore, regola la temperatura in modo che il calore sia più forte nella parte superiore, così la crosta diventa croccante e dorata.

A proposito di noi

Benvenuti in Paese mio Molise-Montelongo (Cb)-Mangiare con gusto-Taste and Events Blog personale !

Siamo i coniugi Blanco Michele Antonio e Colombo Antonella, siamo appassionati del gusto e prodotti tipici per hobby e amiamo il nostro paese molisano Montelongo in provincia di Campobasso. Dall’inizio del 2020 scriviamo qui regolarmente sul nostro blog di ricette e prodotti italiani e molisani e eventi feste e sagre

Per il nostro amore per i prodotti tipici, abbiamo scoperto molte altre specialità italiane. Per noi il cibo significa piacere e passione. Su questo blo

A proposito di noi

Benvenuti in Paese mio Molise-Montelongo (Cb)-Mangiare con gusto-Taste and Events Blog personale !

Siamo i coniugi Blanco Michele Antonio e Colombo Antonella, siamo appassionati del gusto e prodotti tipici per hobby e amiamo il nostro paese molisano Montelongo in provincia di Campobasso. Dall’inizio del 2020 scriviamo qui regolarmente sul nostro blog di ricette e prodotti italiani e molisani e eventi feste e sagre

Per il nostro amore per i prodotti tipici, abbiamo scoperto molte altre specialità italiane. Per noi il cibo significa piacere e passione. Su questo blog abbiamo ora una ricca raccolta di ricette, che viene costantemente ampliata.E che vale la pena cucinare!

Se hai suggerimenti, domande, elogi o critiche, siamo felici di essere contattati 

direzione@paesemiomontelongo.com

g abbiamo ora una ricca raccolta di ricette, che viene costantemente ampliata.E che vale la pena cucinare!

Se hai suggerimenti, domande, elogi o critiche, siamo felici di essere contattati 

direzione@paesemiomontelongo.com

ULTIMI ARTICOLI

Spaghetti con i carciofi del contadino molisano

SPAGHETTI CON CARCIOFIper 6 persone INGREDIENTI- 500 g di capellini- 1 barattolo da 250 g di carciofi sott’olio- 500 g di pomodori pelati- 3 cucchiai di capperi- 2 cucchiai di cipolla tritata- 1 spicchio d’aglio tritato- 1 cucchiaino di origano tritato- 1 cucchiaino di basilico tritato- 3 cucchiai di prezzemolo fresco tritato- 1/4 di litro […]

Spaghetti e gamberetti

Spaghetti e gamberetti 400 g di spaghetti, 250 g di gamberetti, 1 pomodoro maturo, 1 spicchio d’aglio, 1 bicchierino di brandy, qualche foglia di basilico, olio extravergine d’oliva, sale, pepe. Lavate i gamberetti e lessateli per 5 minuti in acqua bollente. Sbollentate il pomodoro e pelatelo, quindi tagliatelo a pezzi.  Iritate finemente l’aglio sbucciato e sminuzzate il basilico; fate imbiondire l’a glio in un tegame con un po’ d’olio, quindi innaffiatelo con il brandy prima di aggiungere il pomodoro, il basilico, una presa di sale e un pizzico di pepe.  Lasciate cuocere a fuoco moderato e quando il sugo comincia ad addensarsi unite i gamberetti, proseguendo la cottura per altri 4-5 minuti.  Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli al dente e versateli nel tegame del condimento; rimestate con un cucchiaio di legno a fuoco viva ce, quindi servite in tavola.

Cardi agnello e uova ricetta antica molisana e pugliese

Ingredienti 500 g di polpa di spalla (o coscio di agnello) 1,5 kg di cardi 200 g di pomodori 5 uova 1 bicchiere di vino bianco prezzemolo 3 spicchi d’aglio ½ bicchiere di olio 100 g di pecorino sale pepe Preparazione del ragù: mettere in un tegame l’olio con gli spicchi d’aglio schiacciati. Unire l’agnello […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...