La ricetta del Pandoro

Ingredienti e procedimento

500 g di farina, 150 g di zucchero, 200 g di burro, 5 uova, vanillina, 40 g di lievito di birra fresco.

In una ciotola lavoro il 40 g di lievito sciolto in poca acqua, 90 g di farina, un tuorlo e 10 g di zucchero; ricopro con un telo pulito e lascio riposare in un luogo tiepido per 3-4 ore.

Impasto 150 g di farina con 30 g di burro fuso a bagnomaria, 70 g di zucchero e due tuorli. Ci aggiungo il composto preparato in precedenza, amalgamo perfettamente lavorandolo con le mani e lascio riposare per circa 2 ore.

Metto nell’impasto il resto della farina, 50 g di zucchero, 30 g di burro, leggermente fuso a bagnomaria, due uova e rilavoro la pasta, lasciando riposare per altre 2 ore.

Trascorso questo tempo, lavoro ancora la pasta e aggiungo un pizzico di vanillina e la tiro a sfoglia aggiungendo il resto del burro al centro.

Chiudo la sfoglia rivoltandone i lembi fino a formare un pacchetto e ne tiro una sfoglia grossolana; eseguo la stessa operazione un paio di volte.

Faccio riposare 30 minuti e ripeto di nuovo le fasi dell’ultima operazione.

Dispongo l’impasto a forma di palla in uno stampo imburrato spolverato di zucchero e lo faccio lievitare in un luogo tiepido.

Quando la pasta avrà raggiunto l’orlo dello stampo, inforno a temperatura media (180 °C), lasciando cuocere per 45 minuti, abbassando la temperatura (170°C) dopo 15 minuti.

Questo tradizionale pane natalizio proviene da Verona. Il suo nome deriva dalla frase pan d’oro, che significa pane dorato, un riferimento al suo colore giallo che deriva dalla grande quantità di tuorli d’uovo usati nel pane. Il pandoro è tradizionalmente cotto in uno speciale stampo a forma di stella.

A differenza del cugino panettone, non contiene né noci né frutta secca. La versione originale di questo dolce risale al XVIII secolo, ed era un piatto riservato all’aristocrazia. Il pandoro che conosciamo oggi risale al 1894, quando il panettiere Domenico Melegatti depositò un brevetto per un processo di produzione su larga scala del pane.

Questo pane dolce e lievitato è spesso cosparso di zucchero a velo, simile alla neve sulle cime delle montagne. Il pane può essere servito con salse e creme come mascarpone, panna montata o cioccolato fuso, mentre ad alcuni cuochi piace svuotarlo, quindi riempirlo con crema pasticcera, frutti di bosco o gelato.

A proposito di noi

Benvenuti in Paese mio Molise-Montelongo (Cb)-Mangiare con gusto-Taste and Events Blog personale !

Siamo i coniugi Blanco Michele Antonio e Colombo Antonella, siamo appassionati del gusto e prodotti tipici per hobby e amiamo il nostro paese molisano Montelongo in provincia di Campobasso. Dall’inizio del 2020 scriviamo qui regolarmente sul nostro blog di ricette e prodotti italiani e molisani e eventi feste e sagre

Per il nostro amore per i prodotti tipici, abbiamo scoperto molte altre specialità italiane. Per noi il cibo significa piacere e passione. Su questo blog abbiamo ora una ricca raccolta di ricette, che viene costantemente ampliata.E che vale la pena cucinare!

Se hai suggerimenti, domande, elogi o critiche, siamo felici di essere contattati 

direzione@paesemiomontelongo.com

ULTIMI ARTICOLI

Pasta e fagioli con le cozze dell’antica trattoria del Molise

Ingredienti per 4 persone: 450 g di fagioli borlotti ditalini n. 47 3 patate 1 kg di cozze ½ cipolla aglio un bicchiere di olio extravergine di oliva prezzemolo peperoncino sale In una pentola con 2 litri d’acqua e un pugno scarso di sale, mettere “a crudo” i fagioli borlotti (surgelati o messi a bagno da […]

Spaghetti con i carciofi del contadino molisano

SPAGHETTI CON CARCIOFIper 6 persone INGREDIENTI- 500 g di capellini- 1 barattolo da 250 g di carciofi sott’olio- 500 g di pomodori pelati- 3 cucchiai di capperi- 2 cucchiai di cipolla tritata- 1 spicchio d’aglio tritato- 1 cucchiaino di origano tritato- 1 cucchiaino di basilico tritato- 3 cucchiai di prezzemolo fresco tritato- 1/4 di litro […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...