Il Castello di Macchiagodena

La fortezza e’ ubicata su un blocco roccioso di natura calcarea all’apice del colle cosi’ da non essere assoggettato ad attacchi esterni.
La fortezza nel periodo longobardo aveva la funzione di controllo dei confini tra la contea di Isernia e quella di Bojano nonche’ del tratturo Pescasseroli-Candela. 
A seguito degli eventi sismici, il castello ha subito ingenti danni per cui e’ stato sottoposto a continui lavori di ristrutturazione.
Attualmente il bloccho centrale si presenta irregolare ed e’ caratterizzato da torrioni circolari che danno ancora l’idea della fortezza.
Alcune fonti attestano che proprio intorno al IX-X secolo al fine di controllare la piana di Bojano venne edificata una fortezza nei pressi dei valichi di Castelpetroso e Indiprete intorno alla quale si stava dando origine al primo centro abitativo.
Dopo il terremoto del 1805, il castello fu migliorato con l’ aggiunta di due torri snelle, esposte a sud nonche’ un grosse torrione volto a nord.
I due lati del castello collocati a strapiombo sulla roccia sono inaccessibili.
In passato il castello era protetto anche dai merli, da un ponte levatoio e da un passaggio segreto; ora invece è una residenza fortificata, confermata anche dalla presenza di due serie di balconi. 
Internamente vi sono ancora elementi architettonici del periodo rinascimentale e delle epoche successive.
Vi sono ampi saloni coperti con volte a botte affrescate; è presente una pinacoteca con lavori di Marcello Scarano ed una biblioteca nella quale sono custoditi dei testi risalenti al ‘500 ed e’ possible consultare opere al completo di Giustiniano nonche’ la “Divina Commedia” commentata dal Vellutello.
Il castello dato il suo valore storico-architettonica, e’ tutelata ai sensi della legge 1/6/1939 n°1089.

Ultimi Articoli

Pasta e fagioli con le cozze dell’antica trattoria del Molise

Ingredienti per 4 persone: 450 g di fagioli borlotti ditalini n. 47 3 patate 1 kg di cozze ½ cipolla aglio un bicchiere di olio extravergine di oliva prezzemolo peperoncino sale In una pentola con 2 litri d’acqua e un pugno scarso di sale, mettere “a crudo” i fagioli borlotti (surgelati o messi a bagno da […]

Spaghetti con i carciofi del contadino molisano

SPAGHETTI CON CARCIOFIper 6 persone INGREDIENTI- 500 g di capellini- 1 barattolo da 250 g di carciofi sott’olio- 500 g di pomodori pelati- 3 cucchiai di capperi- 2 cucchiai di cipolla tritata- 1 spicchio d’aglio tritato- 1 cucchiaino di origano tritato- 1 cucchiaino di basilico tritato- 3 cucchiai di prezzemolo fresco tritato- 1/4 di litro […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...