Altilia

A Sepino negli anni ’50 sono state riportate alla luce le strutture della Saepinum romana come il foro, la basilica, la porta di Bojano, parte della cinta muraria e di alcuni edifici. 
La cittĂ  romana di Sepino fu edificata secondo i canoni dell’edilizia militare romana, per cui le cittĂ  dovevano necessariamente sorgere all’incrocio di due assi viari, il decumano massimo e il cardine massimo.
A questi due assi venivano allineate una serie di vie secondarie, che davano alle cittĂ  una forma urbanistica regolare.
I due assi di Sepino si trovano all’incrocio tra due tratturi, facendo di questa cittĂ  un vero e proprio nodo stradale.
La cittĂ  era cinta da mura, di forma quadrangolare irregolare, al cui interno erano incorporate 27 torri, delle quali 25 circolari e due ottagonali, tutte collegate da un cammino di ronda.
Nelle mura erano presenti delle feritoie, per permettere agli arcieri di colpire eventuali nemici, nonchè si aprivano cinque porte di cui una secondaria.
Le porte principali affacciavano sui tratturi ed erano a carattere monumentale, edificate sul modello dell’arco di trionfo, per cui presentavano statue di divinitĂ  e di prigionieri.
Da notare è che tra la porta esterna e la controporta interna vi è uno spazio che sicuramente era utilizzato per esigenze commerciali.
Qui veniva riscosso il dazio per il passaggio e venivano controllate le greggi che transitavano.
La quinta Ă¨ situata alle spalle del teatro e fu ricavata per permettere agli abitanti delle campagne di accedere agli spettacoli teatrali.
Il teatro di Sepino arriva a contenere anche 3000 persone.
Nella cittĂ  sono state riportate alla luce: il foro, la Basilica Augustea, la curia, l’aula del comizio e i resti di un tempio; vi sono inoltre le terme, il mercato e molte fontane monumentali.

Ultimi Articoli

Spaghetti con i carciofi del contadino molisano

SPAGHETTI CON CARCIOFIper 6 persone INGREDIENTI- 500 g di capellini- 1 barattolo da 250 g di carciofi sott’olio- 500 g di pomodori pelati- 3 cucchiai di capperi- 2 cucchiai di cipolla tritata- 1 spicchio d’aglio tritato- 1 cucchiaino di origano tritato- 1 cucchiaino di basilico tritato- 3 cucchiai di prezzemolo fresco tritato- 1/4 di litro […]

Spaghetti e gamberetti

Spaghetti e gamberetti 400 g di spaghetti, 250 g di gamberetti, 1 pomodoro maturo, 1 spicchio d’aglio, 1 bicchierino di brandy, qualche foglia di basilico, olio extravergine d’oliva, sale, pepe. Lavate i gamberetti e lessateli per 5 minuti in acqua bollente. Sbollentate il pomodoro e pelatelo, quindi tagliatelo a pezzi.  Iritate finemente l’aglio sbucciato e sminuzzate il basilico; fate imbiondire l’a glio in un tegame con un po’ d’olio, quindi innaffiatelo con il brandy prima di aggiungere il pomodoro, il basilico, una presa di sale e un pizzico di pepe.  Lasciate cuocere a fuoco moderato e quando il sugo comincia ad addensarsi unite i gamberetti, proseguendo la cottura per altri 4-5 minuti.  Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli al dente e versateli nel tegame del condimento; rimestate con un cucchiaio di legno a fuoco viva ce, quindi servite in tavola.

Cardi agnello e uova ricetta antica molisana e pugliese

Ingredienti 500 g di polpa di spalla (o coscio di agnello) 1,5 kg di cardi 200 g di pomodori 5 uova 1 bicchiere di vino bianco prezzemolo 3 spicchi d’aglio ½ bicchiere di olio 100 g di pecorino sale pepe Preparazione del ragĂą: mettere in un tegame l’olio con gli spicchi d’aglio schiacciati. Unire l’agnello […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...