Lambascioni

Il Lampascione, ha molti nomi. Infatti è detto anche Lampagione, Cipollaccio, Cipollaccio col fiocco o Giacinto dal pennacchio (Leopoldia comosa, Muscari comosum).  Si tratta di una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Liliaceae, comune in tutta l’area mediterranea. Il suo bulbo sotterraneo, simile ad una piccola cipolla dal gusto amarognolo, è assai apprezzato in alcune regioni dell’Italia Meridionale, in particolare Puglia, Sicilia, Calabria e Basilicata. Infatti, è un prodotto agroalimentari tradizionale della Puglia e della Basilicata.  In Salento, ad esempio, il Lapascione è cucinato in vari modi (fritto con le uova, sott’olio, ecc) ed è il protagonista di numerose Sagre.

Non tutti sanno che Ã¨ una specie comune anche in Abruzzo e Molise dove è raccolto e consumato, però, da pochi intenditori.

Distribuzione in Abruzzo e Molise: comune nei prati aridi e negli incolti fino a 1300 m. Nel vastese la specie è presente un pò ovunque. E’ particolarmente diffusa nei campi e nelle aree ruderali della valle del fiume Treste, tra Lentella e Cupello, e nelle aree costiere (Casalbordino, Villalfonsina, Scerni ecc).

Raccolta. Sebbene la specie sia comune in gran parte d’Italia, la raccolta edil consumo del bulbo sotterraneo di questa pianta viene praticato quasi esclusivamente nell’Italia meridionale. I bulbi si raccolgono, prevalentemente, verso la fine dell’inverno-inizio primavera, quando dal sottosuolo iniziarà ad emergere la parete aerea che culminerà, fino a tarda Primavera, con la caratteristica infiorescenza a pennacchio, facilmente individuabile nei campi. I bulbi si trovano ad una profondità di 10-30 cm ed hanno un diametro di 1-4 cm ed un peso medio di 35-40  grammi.Nella fase in cui la pianta non è completamente sviluppata (priva dunque dell’inconfondibile fiore a pennacchio) occorre prestare particolare attenzione alla possibile confusione con i bulbi del Colchico (Colchicum autumnale) che sono fortemente tossici. Il Colchico, comunque, ha il bulbo allungato e bianco, mentre il bulbo del Lampascione somiglia ad una piccola cipolla e possiede colore mattone e via via più rosato nelle tuniche interne.

Ultimi Articoli

Spaghetti con i carciofi del contadino molisano

SPAGHETTI CON CARCIOFIper 6 persone INGREDIENTI- 500 g di capellini- 1 barattolo da 250 g di carciofi sott’olio- 500 g di pomodori pelati- 3 cucchiai di capperi- 2 cucchiai di cipolla tritata- 1 spicchio d’aglio tritato- 1 cucchiaino di origano tritato- 1 cucchiaino di basilico tritato- 3 cucchiai di prezzemolo fresco tritato- 1/4 di litro […]

Spaghetti e gamberetti

Spaghetti e gamberetti 400 g di spaghetti, 250 g di gamberetti, 1 pomodoro maturo, 1 spicchio d’aglio, 1 bicchierino di brandy, qualche foglia di basilico, olio extravergine d’oliva, sale, pepe. Lavate i gamberetti e lessateli per 5 minuti in acqua bollente. Sbollentate il pomodoro e pelatelo, quindi tagliatelo a pezzi.  Iritate finemente l’aglio sbucciato e sminuzzate il basilico; fate imbiondire l’a glio in un tegame con un po’ d’olio, quindi innaffiatelo con il brandy prima di aggiungere il pomodoro, il basilico, una presa di sale e un pizzico di pepe.  Lasciate cuocere a fuoco moderato e quando il sugo comincia ad addensarsi unite i gamberetti, proseguendo la cottura per altri 4-5 minuti.  Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli al dente e versateli nel tegame del condimento; rimestate con un cucchiaio di legno a fuoco viva ce, quindi servite in tavola.

Cardi agnello e uova ricetta antica molisana e pugliese

Ingredienti 500 g di polpa di spalla (o coscio di agnello) 1,5 kg di cardi 200 g di pomodori 5 uova 1 bicchiere di vino bianco prezzemolo 3 spicchi d’aglio ½ bicchiere di olio 100 g di pecorino sale pepe Preparazione del ragù: mettere in un tegame l’olio con gli spicchi d’aglio schiacciati. Unire l’agnello […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...